Leo Scott e Franz Bertè salutano il Rovereto

Sono tanti i nomi nuovi per la prima squadra del Rovereto 2015/2016 e come si sa, spesso nel calcio le novità vengono esaltate e salutate prima degli addii. Noi vogliamo invertire la rotta e spendere alcune parole per due giocatori protagonisti della gloriosa cavalcata del Rovereto della scorsa stagione, due persone, due amici, due zebrette che per motivi diversi lasceranno la casacca bianconera:

image

Leo Scott

image

Franz Berté

Leonardo Scottini e Francesco Bertè. Entrambi sono arrivati a Rovereto per affrontare la prima categoria (2014/2015): difensore centrale il primo, attaccante esterno il secondo. Leonardo arriva a Rovereto dopo l’esperienza nell’Isera, dove si contraddistingue nel corso degli anni per sicurezza e autorità. Francesco invece proviene dal Sacco San Giorgio: il suo sinistro “bionico” e la capacità di bucare la rete in qualsiasi maniera, gli varranno negli anni il soprannome di “Bomber Bertè”. A fine stagione Leonardo collezionerà 14 presenze mentre Francesco 24. Quest’ultimo riuscirà a toccare cifra doppia nei goal realizzati: 10, da sommare a quelli (purtroppo in questo caso le statistiche non aiutano) realizzati in coppa provincia. Quest’estate entrambi maturano la decisione, ponderata e sofferta, di lasciare i colori bianconeri. Leonardo è in attesa di capire se continuare o meno  a praticare calcio; purtroppo numerosi infortuni hanno costretto il nostro Franco Baresi di Pomarolo  a fermarsi spesso e a metterlo oggi di fronte al dubbio amletico “essere o non essere” ancora un calciatore. Noi, ci mancherebbe, auguriamo a Leo di continuare a fare quello che più gli piace, tenendo le porte del Rovereto aperte, sempre, nel caso decidesse di ripensarci. Bomber Bertè, invece, dà il suo addio definitivo al calcio, rinviato l’anno scorso per sostenere la causa bianconera, diventato realtà quest’anno. Siamo sicuri che lo vedremo ancora calcare i campi di calcio nei tornei estivi.

Leonardo e Francesco: due persone semplici, corrette e di notevole umanità. Due guerrieri, due amici, due fratelli. Grazie ragazzi, grazie veramente di tutto.