Rovereto-Fersina 1 a 1: un pareggio agrodolce

Rovereto, Stadio Quercia. Ore 15.30. Una domenica di settembre accoglie in un clima più estivo che autunnale due squadre di pari posizione che cercano punti e riconferme.

Il primo tempo vede il Rovereto spingere sull’acceleratore, anche se i primi tentativi sono per gli ospiti che già dai primi minuti fanno ben capire le loro intenzioni.
Con un paio di tiri da fuori area cercano di impensierire “Chiodo” Chiodini che però è sempre attento e battezza fuori le conclusioni avversarie, dei sussulti fini a se stessi.

questo non spaventa affatto i ragazzi che fanno loro un primo tempo dove gli avversari sembrano assopiti dal tepore del sole di settembre.

Al 13′ il primo lampo con un tiro di Campolongo “il Giovane Illusionista” che va a colpire il montante alla destra del portiere perginese. Azione suuccessiva una palla bassa di “Bomber” Manu Dacroce per Marinaro “la Tarantola Umana” viene afferrata dall’estremo difensore ospite che anticipa la punta bianconera.

La Fersina si fa vedere più tardi dalla parte di “Chiodo” con un tiro di poco a lato e qualche bel traversone che il portierone roveretano fa suo senza problemi.

Al 30’un millimetrico lancio del “Geometra” Salvetti a pescare quel dinocolato di un Marinaro che nel cuore dell’area avversaria si gira molto bene sul marcatore e spara un tiro a cui l’estremo difensore avversario risponde molto bene parando in due tempi.
Questo è solo il preludio del gol che arriverà appena due minuti più tardi quando “Bomber” Manu Dacroce dalla trequarti avversaria pesca con una bella palla filtrante sopra la testa dei difensori l’accorrente “Giovane Illusionista” che appena entrato in area spara un diagonale che non lascia scampo al portiere perginese.
Well Done Campo! 1 a 0 Rovereto!

Pochi minuti più tardi l’occasione per il raddoppio, “la tarantola umana” al limite dell’area si gira bene e vede l’accorrente “Mr. Pedro” (L. Pedrai) ben smarcato dall’altra parte del forte perginese e incredibilmente lo pesca con un lancio millimetrico, “Mr. Pedro” controlla e spara ma un difensore in extremis riesce a respingere la conclusione prima che arrivi alla porta.

Nota: il politecnico di Milano in collaborazione con il politecnico di Torino ha deciso di avviare un progetto di ricerca per svelare i misteri nascosti dietro le scarpe di Marinaro per il precedente lancio, apparso a molti, TROPPO PRECISO! 🙂

Si va a riposo con il Rovereto in vantaggio e tanta stanchezza dopo un primo tempo di grande intensità.

Ahimè, si inizia la seconda parte di gioco con il gol ospite che nasce da un batti e ribatti tra “U Professò”(M.Giovanella) e “El Capitan” (Paolo Maria Festi) che in un attimo di confusione pasticciano un po’ finché la palla arriva all’attaccante della Fersina Nonaj che da dentro l’area la piazza alle spalle del portiere bianco nero.

Al 12′ altra buona occasione perginese di testa che per fortuna del Rovereto si spegne di poco a lato.

Finalmente si rivede il Rovereto che con “El Capitan” e una delle sue famose discese sulla sinistra confeziona poi un cioccolatino per “la Tarantola Umana” che tira in porta ma trova un attento portiere che gliela devia in calcio d’angolo.

Pochi minuti più tardi al 19′ un lancio celestiale di “Mr. Pedro” viene recapitato sui piedi di Campolongo che spara sul primo palo della porta del Fersina dove nuovamente il portiere fa la sua sporca figura e mette a lato.

Successivamente “Bomber” Manu Dacroce scaglia una saetta dai 30 metri che passa a fil di traversa. Qualche minuto più tardi lo stesso Dacroce con una serpentina di dribbling semina il panico nell’area avversaria e serve “Mketto Risvoltino” (M.Manica) che però viene fermato da un difensore giallonero.

Si rivedono gli ospiti con un paio di occasioni del solito Nonaj, il più pericoloso degli ospiti, e su un traversone il colpo di testa di Touzri nei minuti finali spaventa un pochino le zebrette.

Il match si conclude con 4′ di recupero dove le squadre ormai compassate dall’intensità della partita non si fanno male e si chiude senza occasioni degne di nota.

Adesso testa e gambe a domenica prossima, si va nella terra dei porfidi. FORZA ROVERETO!